La grafomotricità

/La grafomotricità

La scrittura

La scrittura è un’abilità scolastica alla base della quale vi sono prerequisiti molteplici, alcuni dei quali generali (equilibrio, controllo posturale e lateralizzazione), altri specifici (coordinazione dinamica dell’arto superiore; coordinazione oculo-manuale globale e fine; motricità fine; orientamento e organizzazione spazio-temporale; percezione e analisi visiva; memoria a breve e a lungo termine; abilità fonologiche, metafonologiche e lingusitiche). E’ fondamentale per il processo di scrittura che questi prerequisiti raggiungano l’automatizzazione, in modo da permetterne l’integrazione necessaria, propria di una prassia complessa quale è la scrittura.

Come può essere d’aiuto la grafomotricità?

Nell’ambito di tale prassia, la grafomotricità (componente della psicomotricità) permette di accompagnare queste situazioni problematiche in un percorso evolutivo che favorisca una sana capacità di autoregolazione degli impulsi motori ed emotivi a favore di una creatività individuale e di un’evoluzione simbolica del gesto grafico, dalla dimensione dello scarabocchio a quella del grafismo rappresentativo e poi della scrittura. Questo percorso permette di valutare lo sviluppo della lateralizzazione, della motricità fine, della prensione e della simbolizzazione. I bambini che presentano difficoltà fonologiche fin dal primo anno di scuola primaria presentano spesso anche difficoltà nell’investimento corporeo, nella strutturazione spazio/temporale e nell’organizzazione percettivo-motoria. Va sottolineato, a tal proposito, che il bambino di 5/6 anni vive in un’età ancora psicomotoria dove l’apprendimento procede in modo prevalente attraverso l’esperienza diretta, corporea.

Lo scopo della grafomotricità

Lo scopo della grafomotricità è favorire lo sviluppo delle abilità motorie e l’acquisizione dei prerequisiti fondamentali dell’apprendimento della letto-scrittura, in particolare:

  • spazialità (nozioni spaziali, orientamento nello spazio, confronto dimensioni e distanze, seriazione, ricomposizioni immagini, riconoscimento di forme geometriche/non geometriche, conoscenza dello spazio gestuale)
  • temporalità (confronto tra la durata di suoni, delle parole, delle situazioni)
  • abilità nell’atto prassico (pianificazione, ideazione ed esecuzione)
  • abilità nella rappresentazione delle lettere/parole (rappresentazione con il corpo o oggetto psicomotorio delle lettere nei vari caratteri)
Dott.ssa Claudia Ottonello
Dott.ssa Claudia OttonelloPsicomotricista - Dott.ssa in Psicologia
La Dott. Ottonello è Psicomotricista, diplomata presso il CISERPP di Verona.
Si è formata presso l’Università degli studi di Padova, dove ha conseguito la laurea magistrale in Neuroscienze e riabilitazione Neuropsicologica.
Ha frequentato il Master in Psicomotricità Neurofunzionale specializzandosi in Disturbi Specifici dell’Apprendimento.
Ha esperienza nell’ambito della psicomotricità e grafomotricità preventivo pedagogica, nell’ambito della disabilità e della psichiatria.
Conduce percorsi individuali ed attività di psicomotricità, laboratori tematici nelle scuole dell’infanzia e primarie; interventi psicomotori di gruppo presso il centro di salute mentale Ulss 20 di Verona e attività socio-riabilitative e di stimolazione cognitiva per la prevenzione delle malattie neurodegenerative.
2017-12-06T14:17:00+00:00 novembre 7th, 2016|Psicomotricità|